Schemi e Spiegazioni

Rivestire le candele tealight con materiali semplici e in soli tre passi: tutorial da seguire.

“La necessità aguzza l’ingegno” dice il proverbio.

Quando mi è stato chiesto di allestire un centrotavola con poco budget (o quasi nullo), ho applicato questo antico proverbio alla lettera. Avevo nell’angolo buio della cantina alcune tea-light. Però non le avevo mai utlizzate perché leggermente più grandi delle classiche dimensioni, e non entravano nelle porta tealight tradizionali. Era un peccato non sfuttarle. Le candele a tavola creano grande atmosfera, e aggiungendo qualche composizione floreale, il table setting è pronto in poco tempo.

Tealight candela rivestita con sughero.

Il dilemma che avevo era relativo a come rivestirle. La carta è stata esclusa dalle scelte quasi subito, perchè esteticamente troppo cheap. Così ho deciso di usare un tessuto.

Quello che vedete nella foto è un tessuto di sughero. E’ lo stesso che ho utlizzato qualche tempo fa per creare una scatola con cactus portaconfetti. Voi però potete utilizzare qualsiasi tessuto preferiate.

Ho tagliato una fascia alta due volte la parte metallica della tealight, e lunga cinque centimetri in più della sua circonferenza, e l’ho piegata a metà. – FOTO 1

Tutorial per rivestire in modo semplice le candele tealight.

Tutorial per rivestire le tealight - le tre fasi.

Per fissare il tessuto alla candela, se avete un po’ di manualità, non vi servirà neppure utilizzare la colla a caldo.

FOTO 2 – Arrotolate attorno alla candela la fascia di stoffa. Prima di arrivare al punto di partenza, piegate verso l’interno la parte della circonferenza eccedente. Tenete stretto fino a che non avrete fissato tutto. In alternativa fermate con un piccolo punto di colla.

FOTO 3 – Con del comune spago da cucina o cordino, fate tre giri attorno alla candela e chiudete con un nodo stretto, stretto.

Adesso potete abbellire la candela con un fiocco.

La scelta del nastro, come quella del colore o della tipologia di tessuto, è legata al carattere della tavola. Nel mio caso sarà allestita una tavola autunnale, con zucche, fiori secchi e noci. Quindi il colore legno del sughero e lo spago rustico sono perfetti. Se la vostra tavola ha un carattere natalizio, ad esempio, il tessuto può essere un pannolenci rosso e il nastro un raso bianco. Libertà di interpretazione e fantasia: come sempre!

Cosa ne dite? Poca spesa, massima resa.

Ciao, alla prossima.

Cristiana | farecreare

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Peperone amigurumi schema e spiegazioni facili.

Cosa manca nel cesto della verdura amigurumi? Il peperone a uncinetto ancora non c’era: rimedio subito, ecco lo schema. Ciao amiche di uncinetto. Vi ricordate le verdure amigurumi che avevamo creato insieme qualche tempo fa? Noooo, ve le ricordo subito! Le verdure amigurumi. Belle vero? Nel blog avevo iniziato un percorso (che molte di voi […]

Continue Reading

Sgabello estivo rivestito uncinetto.

Ciao care amiche di uncinetto, questo sarà l’ultimo post prima della vacanze estive. Chiudo per un po’, o per meglio dire, stacco la spina del computer. Ho davvero bisogno di un periodo senza computer e tecnologia. Ultimamente ne ho abusato un po’ troppo e quindi devo ricaricare le energie e le idee senza ausili elettronici. […]

Continue Reading

Quadrifoglio uncinetto come fare.

Sarà che oggi è il giorno 13 (anche se non è venerdì), e ho voglia di scrivervi uno schema semplice per creare un portafortuna: il quadrifoglio a uncinetto. E’ divertente vedere come ognuno di noi interpreta il soggetto del portafortuna. Alcuni preferiscono un cornetto (piccolo peperoncino rosso), altre persone preferiscono amuleti più strani. A me […]

Continue Reading

Un doudou a uncinetto e lo schema per farlo.

Vi presento il mio nuovo amico, è un doudou bambini con la testa di un coniglio. Naturalmente il coniglio è lavorato a uncinetto. In questo periodo ho avuto diverse richieste per oggetti da regalare alla nascita (e anch’io ho un paio di regali da fare). Ho “rimurginato” un pochino, perchè volevo cambiare almeno in parte […]

Continue Reading